Home / Notizie / Primo piano / Vino in giacenza per produrre alcol igienizzante, la proposta di AssoDistil
l43-vino-bicchiere-bottiglia-130313114635_big

Vino in giacenza per produrre alcol igienizzante, la proposta di AssoDistil

In questo periodo di emergenza dovuta al contagio da Coronavirus, diverse aziende avanzano numerose proposte soprattutto per sopperire ad alcune mancanze. Alleanza cooperative agroalimentare e AssoDistil, per sopperire alla carenza di alcool igienizzante, hanno avanzato in concomitanza un’innovativa proposta alla ministra Bellanova, ovvero utilizzare il vino in giacenza nelle cantine per produrre alcol igienizzante.

Alleanza cooperative agroalimentare e AssoDistil, spiegano in una nota che questa operazione consentirebbe di immettere sul mercato 22 milioni di litri di alcol per le strutture sanitarie e per tutta la collettività. La misura di distillazione è prevista da normative europee e attende il via libera da parte del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

“La volontà del sistema cooperativo è dimostrare tutta la propria solidarietà al settore sanitario e più in generale all’intera collettività”, spiega il presidente di Alleanza cooperative agroalimentari, Giorgio Mercuri.

Il presidente di Assodistil, Antonio Emaldi, ha dichiarato “Si tratta di dare il via libera ad una distillazione in via temporanea per due mesi, aprile e maggio, di 2 milioni di ettolitri per una produzione di circa 22 milioni di litri di alcol. Come stabilito da regolamento i produttori di vino per questa operazione dovrebbero ottenere un contributo da parte dello Stato, nella logica di evitare conseguenti distorsioni nei mercati e contenere il prezzo di vendita degli igienizzanti ai consumatori finali”