Home / Il buon bere / Vendemmia 2020: le temperature spaventano i viticoltori

Vendemmia 2020: le temperature spaventano i viticoltori

Il reale inverno freddo che tarda ad arrivare, sta facendo preoccupare di gran lunga i viticoltori che, dopo la notizia dei 20,8 gradi registrati la mattina del 2 febbraio a Umbertide dalla stazione di rilevamento del Centro funzionale della Protezione civile umbro, non percepiscono positività per la vendemmia 2020,

“La speranza è che arrivi finalmente l’inverno” ha dichiarato Riccardo Cotarella, presidente mondiale degli enologi e produttore umbro. “Stiamo vivendo l’inverno più caldo che a memoria d’uomo si ricordi e questo sicuramente non gioverà alla prossima produzione e all’agricoltura in generale”.
Cotarella ha messo in evidenza l’esigenza di “una maggiore cura per il pianeta” sottolineando come i cambiamenti climatici siano la conseguenza dell’inquinamento globale.