Home / Calabria / Primo piano / Una Vigilia di Natale tutta calabrese

Una Vigilia di Natale tutta calabrese

Il Natale è ormai alle porte e con le festività natalizie si avvicinano sempre di più i tanto attesi cenoni, che nonostante le restrizioni si svolgeranno tra familiari e portate tradizionale.

Secondo quanto tramandato da generazioni, in Calabria sono 13 le portate che bisognerebbe mangiare la sera del 24 dicembre, 13 portate come il numero degli Apostoli e, sempre secondo la tradizione, le portate devono rigorosamente essere a base di verdure, ortaggi e pesce fresco.

Tra gli antipasti non mancheranno sulle tavole dei calabresi olive, pomodori secchi, giardiniera ma anche prelibatezze a base di pesce come il rinomato baccalà fritto o le cozze. Tra i primi piatti, soprattutto in alcune zone della Calabria, la sera del 24 dicembre verrà servita la pasta con la mollica, mentre per quanto riguarda i secondi sarà presente in più portare il baccalà, fritto o in umido, ma anche altre portate a base di pesce o ortaggi.

Dopo il secondo non mancheranno sulle tavole dei calabresi la frutta tipicamente invernale e la frutta secca, in particolare i fichi secchi. Ampio spazio avranno anche i dolci: petrali, torroni, nacatole, alaci, panettoni e chi più ne ha più ne metta.