Home / articolo spalla laterale in evidenza / Le Ricette dei lettori / Trippa alla calabrese: la storica ricetta e i consigli di StrillEat

Trippa alla calabrese: la storica ricetta e i consigli di StrillEat

Un profumo inebriante, un sapore deciso, una bontà indiscutibile: la trippa alla calabrese è una delle ricette storiche e prelibate del vasto patrimonio culinario calabrese, ancora oggi realizzata quasi in tutte le famiglie secondo quella che è la ricetta antichissima tramandata da generazioni.

La trippa alla calabrese viene solitamente servita come secondo piatto e prevalentemente nel periodo autunnale e invernale, e l’ingrediente principe è proprio la Trippa che prima di essere utilizzata deve essere ovviamente pulita accuratamente. Scopriamo come realizzare la trippa alla calabrese.

Trippa alla calabrese: ingredienti e procedimento

Ingredienti

1 kg di trippa

2 cipolle rosse di Tropea

1 peperoncino calabrese

1 confezione di polpa di pomodoro

2 foglie di alloro

q.b. pepe in grani

q.b. sale fino

q.b. olio extra vergine di oliva

mezzo bicchiere di vino bianco

Procedimento

Per prima cosa lavate accuratamente la trippa e tagliatela a pezzetti, poi ponetela all’interno di una pentola abbastanza capiente e cuocetela per circa 15 minuti;

Successivamente aggiungete le cipolle tagliate finemente, l’alloro e il pepe nero in grani e sfumate il tutto con mezzo bicchiere di vino bianco. Cuocete per altri 10 minuti a fiamma viva.

Aggiungete al soffritto la polpa di pomodoro ed il peperoncino calabrese sminuzzato e fate cuocere la trippa per altri 30 minuti a fuoco basso, con coperchi, mescolando di tanto in tanto.

Servite la Trippa alla calabrese calda, con delle fette di pane di grano tostato.

Trippa alla calabrese: i consigli di StrillEat

Per pulire al meglio la trippa, dopo una prima accurata pulizia ponetela per una decina di minuti sotto un forte getto d’acqua corrente.

La trippa sarà deliziosa anche cotta con la passata di pomodoro oppure ‘in bianco’

Se di vostro gradimento, per rendere più saporita la vostra pietanza potete aggiungere qualche patata tagliata a tocchetti o delle olive nere.

Il sugo della trippa spesso e volentieri viene utilizzato, in alcuni paesi della Calabria, per realizzare un primo piatto a base di ‘struncatura’