Home / Calabria / Primo piano / Salsa di pomodoro fatta in casa: l’antico ‘rito’ calabrese

Salsa di pomodoro fatta in casa: l’antico ‘rito’ calabrese

La Calabria, come altre regioni presenti soprattutto nel Sud Italia, vanta un patrimonio culturale ed enogastronomico tanto ricco quanto vasto e tra le ‘usanze tipiche’ spicca l’antichissima tradizione della realizzazione delle conserve e della salsa di pomodoro.

La realizzazione della salsa di pomodoro, scandita in step precisi e ancora oggi molto diffusa su tutto il territorio calabrese e non solo, è da sempre considerata un antico rito familiare ma anche una giornata di festa, un’occasione in cui tutti i membri della famiglia, dai più piccoli ai più grandi, si riuniscono e muniti di pazienza sotto il sole cocente di fine estate realizzano la salsa di pomodoro, una pratica che richiede quasi un’intera giornata ma che permette alle famiglie di degustare poi per tutto l’inverno una salsa di pomodoro naturale e come tradizione vuole ‘i casa’.

Salsa di pomodoro: il rituale calabrese

Il rituale calabrese della preparazione della salsa inizia con l’accurata pulitura e il lavaggio dei pomodori, un’attività solitamente svolta dalle donne.

Una volta lavati, i pomodori vengono tagliati a pezzi e sparpagliati su delle stuoie posizionate in modo da permettere lo sgocciolamento di buona parte del liquido.

I pomodori, dopo essere stati cotti in grandi pentoloni, vengono trasferiti in una macchina per la passata originariamente manuale ma adesso elettrica. In questo enorme macchinario vengono inseriti i pomodori e trasformati in salsa che verrà versata in grandi contenitori di plastica, i cosiddetti ‘cati’. Successivamente questa deliziosa polpa viene inserita nelle bottiglie di vetro o ‘buccacci’ che poi vengono rigorosamente chiuse ermeticamente con un coperchio o tappo. Il passaggio successivo, fondamentale, prevede la sterilizzazione dei contenitori: si riaccende la brace sotto il pentolone e si sistemano i contenitori che dovranno bollire per circa mezzora; dopodiché dovranno essere lasciati raffreddare per un po’.

Un’antica usanza calabrese prevede che, la sera, l’intera famiglia si riunisca con amici e ulteriori parenti per ‘assaggiare’ la salsa di pomodoro.