Home / articolo spalla laterale in evidenza / Le Ricette dei lettori / Pitta ‘nchiusa: la ricetta e le sue origini

Pitta ‘nchiusa: la ricetta e le sue origini

La Calabria è una regione dal vastissimo patrimoni culinario, e tra i dolci più amati dai calabresi ed immancabili sulle tavole soprattutto, e non solo, durante le feste natalizie va sicuramente annoverata la Pitta ‘nchiusa, antichissima prelibatezza calabrese.

La pitta ‘nchiusa, secondo alcune storiche fonti, è nata nelle cucine di San Giovanni in Fiore. Il nome ha origini ebraiche, pitta significa infatti schiacciata. Questo dolce si dice ebbe origine nel 1700, periodo durante il quale la pitta veniva preparata soprattutto in occasione di matrimoni.

Pitta ‘nchiusa, un dolce che profuma di Calabria

Ingredienti

Noci 500 g

Uva sultanina 500 g

Chiodi di garofano 1 cucchiaino

Cannella 2 cucchiaini

Liquore strega 2 cucchiai

Liquore di anice 2 cucchiai

Liquore Mandarinetto 1 cucchiaio

Succo d’arancia 100 ml

Olio extravergine di oliva 120 ml

Vino moscato 100 ml

Miele 220 g

Sale

Zucchero 140 g

Farina 500 g

 

Procedimento

Versate in una terrina le noci, l’uva passa, chiodi di garofano macinati, cannella, liquore strega, liquore di anice, mandarinetto e il succo di arancia e mescolate. Lasciate riposare per 3/4 ore.

In una padella versate 100 ml di olio extravergine d’oliva, poi aggiungete il vino moscato. Aggiungete un pizzico di sale e poi 100 g di miele. Mescolate con cura.

Versate il composto in una terrina e aggiungetevi 100 g di zucchero e la farina setacciata. Mescolate il composto con l’aiuto di un cucchiaio e, quando risulta omogeneo, versatelo sul piano di lavoro e lavoratelo con le mani.

Realizzate la forma di un filone, e tagliatene una parte che vi servirà da base. Stendete la parte tagliata con un mattarello e rivestite una teglia rotonda con della carta forno sulla quale disporrete la vostra base.

Prendete il filone messo da parte e tagliatelo in parti più o meno delle stesse dimensioni. Dopodiché prendete una parte e stendetela con il mattarello. Prendete una bacinella e versatevi mezzo cucchiaino di cannella, 20 ml di olio extravergine di oliva, 20 g di zucchero e mescolate bene.

Prendete un pennello e spennellate il composto sulla pasta stesa.

Adagiate lungo tutta la superficie, il composto preparato in precedenza con le noci. Chiudete e poi arrotolate fino a formare una rosa e riponete nella teglia.

Ripetete il procedimento per tutti i pezzi di pasta e fate cuocere in forno a 170°C per 40 minuti.

Spennellate la vostra pitta con 100 g di miele e continuate la cottura per altri 20 minuti a 170°C.