Home / Calabria / Primo piano / Pesca Merendella: un tesoro calabrese

Pesca Merendella: un tesoro calabrese

E’ un frutto dolcissimo e succoso, a tratti poco conosciuto ma sicuramente irresistibile: stiamo parlando della pesca Merendella coltivata solo nella fascia ionica del catanzarese.

Sebbene in molti credano che la pesca non sia un frutto autoctono della  nostra Penisola, secondo alcune fonti storiche proprio in Italia ha trovato  il suo habitat ideale al punto da diventare una delle principali  coltivazioni  in alcune zone, principalmente del sud. 

Come per altre tipologie di frutta, esiste una  varietà  detta Merendella che  cresce principalmente in Calabria. La pesca  Merendella  presenta una tipica  colorazione   della buccia bianca  e verde,  con polpa soda e aderente al nocciolo.

Questo frutto è ancora poco conosciuto sia all’interno della regione che nel resto della nazione.

 La pesca Merendella è abbondantemente coltivata nella fascia ionica   del Catanzarese ed è rinomata e ricercata soprattutto per la sua dolcezza. Questa tipologia di pesca è ottima da mangiare così com’è, anche con la   con la buccia.

Nel tempo, dopo studi approfonditi  sono  state individuate tre diverse  qualità denominate: Madonna di giugno, di luglio e di agosto. Il nome è ovviamente legato al periodo di produzione.