Home / Prodotti tipici / Pecorino del Monte Poro Dop: fiore all’occhiello calabrese

Pecorino del Monte Poro Dop: fiore all’occhiello calabrese

Il Pecorino del Monte Poro Dop e uno dei fiori all’occhiello delle produzioni calabresi ed ha origine in alcune località della provincia di Vibo Valentia. La sua denominazione deriva proprio dal Monte Poro, un piccolo altopiano che si sviluppa tra le località di Ricadi e Nicotera.

Il pecorino del Monte Poro è un formaggio antichissimo ancora oggi prodotto come in antichità e nel rispetto della tradizione e si ottiene dalla lavorazione di latte ovino ottenuto da pecore alimentate in pascoli naturali sulle pendici dell’altopiano. La tecnica di produzione è leggermente diversa rispetto a quella degli altri due pecorini calabresi poiché, dopo la rottura, la cagliata segue una pressatura manuale che serve ad eliminare i residui del siero. La salatura invece è simile a quella del pecorino crotonese.

Il pecorino del Monte Poro viene usato abbondantemente in cucina, soprattutto per la realizzazione di alcune ricette tradizionali calabresi e per la realizzazione di primi piatti prelibati e gustosi. Questo pregiato formaggio Made in Calabria che vanta una produzione antichissima viene spesso abbinato a piatti di verdure o taglieri di salumi ed è ottimo per completare risotti, oltretutto si sposa benissimo sia con l’olio aromatizzato al Bergamotto di Reggio Calabria che con la ‘Nduja di Spilinga.

Il pecorino del Monte Poro ha raggiunto una discreta notorietà in campo internazionale: ad oggi è tra i formaggi tipici della Calabria con maggiore richiesta di esportazione a livello nazionale e vanta la tanto attesa denominazione Dop.