Home / Calabria / Primo piano / Pasta: i formati più acquistati dagli italiani

Pasta: i formati più acquistati dagli italiani

La pasta come noto è uno dei simboli per eccellenza del food Made in Italy e sono oltre 300 i formati di pasta presenti sugli scaffali dei supermercati, ma gli italiani scelgono quasi sempre gli stessi.

A rilevare quali sono i formati di pasta più acquistati dagli italiani è un’elaborazione di Unione Italiana Food, secondo cui la top 10 della pasta rappresenta il 60% delle 1,4 tonnellate che si consumano ogni anno con un piatto di pasta su 5 che è sempre a base di spaghetti in Italia (uno su 3 nel mondo). Gli italiani scelgono la pasta almeno 5 giorni a settimana, anche due volte al giorno. La top 10 costituisce quasi 900 mila tonnellate di pasta su 1,4 consumate annualmente e vede in testa gli spaghetti davanti a penne rigate e fusilli. Ai rigatoni la medaglia di legno. A seguire, farfalle, linguine, lumachine, bucatini, mezze maniche e lasagne. Non mancano variabili regionali alla classifica nazionale: al Sud, per esempio, risalgono posizioni ziti, ditalini, orecchiette e pasta.

Secondo una ricerca Doxa- Unione Italiana Food, è preferita la pasta corta a quella lunga e la pasta rigata alla liscia. Per aiutare meglio nell’abbinamento tra formato e condimento, Unione Italiana Food con #PastaDiscovery ha lanciato un corso virtuale su WeLovePasta.it. L’incontro virtuale è costruito con contenuti multimediali che spaziano dai talk ai consigli pratici, alla storia, scienza e cultura della pasta, alle guide e ai test di assaggio, fino alle interviste e ai contributi video di gastronomi, pastai, food blogger e i consigli di Cristina Bowerman, chef stellato e presidente dell’associazione Ambasciatori del Gusto. I pastai italiani propongono accanto al corso #PastDiscovery una mini guida di 10 ricette perfette per i formati che più spesso acquistano gli italiani.