Home / Sicilia / Limone Interdonato IGP: l’agrume pregiato simbolo di Messina

Limone Interdonato IGP: l’agrume pregiato simbolo di Messina

Il limone interdonato IGP è una varietà di Pianta di Limone Siciliano ottenuta dall’innesto tra Limone e Cedro.

Secondo alcune fonti storiche, l’idea dell’innesto venne messa in pratica intorno al 1860 dal Colonnello Giovanni Interdonato, appassionato Agrumicoltore che eseguí circa 200 innesti nei propri Agrumeti di Alí Terme in provincia di Messina.

La produzione di Limoni Interdonato IGP si estende nell’area ionico-Messinese dando vita ad una economia produttiva non indifferente, dove i comuni coinvolti nella produzione godono del conferimento della IGP, ottenuta in base al Regolamento CEE n..

Nel 2004 agli oltre 47 consorziati venne conferito anche il marchio del presidio Slow Food.

Limone Interdonato IGP: le caratteristiche

Il Limone Interdonato IGP si presenta con una buccia molto fine e liscia. Questo  agrume pregiato siciliano ha un basso contenuto di acido citrico, ed è proprio questa caratteristica a rendere il il Limone Interdonato protagonista di numerose ricette soprattutto a base di pesce, di dessert e granite-

Questo frutto ha un periodo di maturazione molto veloce, tanto che la raccolta avviene tra Settembre e Dicembre.

I Limoni Siciliani ed in particola la varietà Interdonato IGP ed il Limone Femminello di Siracusa IGP, oltre ad essere utilizzati come frutto stesso vengono trasformati per essere impiegati nella preparazione di Limoncello, Grappe al Limone, nel Cioccolato di Modica IGP, per la produzione di Marmellate e anche nell’ambito cosmetico.