Home / News / L’Associazione Valentia dona cesti con prodotti locali al personale del ‘Jazzolino’ di Vibo

L’Associazione Valentia dona cesti con prodotti locali al personale del ‘Jazzolino’ di Vibo

L’associazione Valentia, in concomitanza con aziende rinomate del territorio vibonese, ha voluto omaggiare tutto il personale medico e paramedico dell’ospedale “Jazzolino” di Vibo Valentia consegnando 400 cesti contenenti prodotti locali.

Il gesto vuole essere un ringraziamento per l’encomiabile lavoro che stanno svolgendo in maniera incessante. Il tutto è stato possibile grazie alla collaborazione di diverse aziende tra cui: Callipo, pasticceria Mandaradoni, dolciaria Monardo, pastificio Colacchio e altre aziende del territorio. Gli omaggi sono stati consegnati al direttore sanitario.

«In un momento storico così triste e difficile che stanno vivendo gli ospedali italiani – scrive il sodalizio in una nota – insieme al gran cuore di Callipo, Mandaradoni, Monardo, Colacchio e altre aziende del territorio abbiamo voluto esprimere il nostro profondo sentimento di gratitudine e di stima per l’impegno profuso e per l’alto spirito professionale con cui i medici e paramedici impegnati in questi giorni nella battaglia contro il Covid-19, stanno fronteggiando e arginando questa emergenza, consegnando centinaia di cesti pasquali. Nelle giornate di oggi e domani, verranno distribuiti direttamente nelle mani dei responsabili di ogni reparto, che provvederanno alla consegna».

«Grazie alle aziende che hanno aderito a tale iniziativa – scrive il presidente dell’associazione Valentia, Anthony Lo Bianco – quest’anno sarà una Pasqua diversa, e abbiamo voluto dare un segnale di vicinanza, a chi, dal primo giorno, combatte in prima linea per un’emergenza che sta affliggendo il nostro Paese.  La dolcezza del cioccolato, le conserve di frutta, il tonno, i biscotti, i crostini ed il formaggio, vogliono rappresentare un gesto fatto con il cuore. Un piccolo gesto per voi che, in questi giorni di emergenza sanitaria, siete esposti in prima linea nei nostri ospedali. Rischiate quotidianamente la vostra salute per salvare la nostra. Non possiamo che ringraziarvi e dimostrarvi tutta la nostra riconoscenza. Grazie eroi! Vi auguriamo buona Pasqua!».