Home / Calabria / La giovane chef calabrese Denisia Congi premiata al Chef Awards

La giovane chef calabrese Denisia Congi premiata al Chef Awards

L’anno stellare per gli chef calabresi si chiude con un nuovo successo: il riconoscimento assegnato alla responsabile dei giovani chef della Calabria per la Federazione Italiana Cuochi, Denisia Congi, premiata al Chef Awards nel corso della Celebrity Nights del Festival degli Chef. L’evento si è svolto ad Assisi (PG) all’interno di un programma di tre giorni dedicato all’alta cucina.

La giovanissima e talentuosa cuoca originaria di San Giovanni in Fiore è stata valutata tra i primi migliori 100 chef italiani da una giuria.

Per la prima volta, in questa edizione 2019 del Festival, anche il web e i social hanno concorso nella scelta degli chef dei migliori ristoranti italiani: un riconoscimento pubblico oggettivo, basato su un nuovo concetto di votazione, con una selezione rigida di web reputation, curata secondo la guida digitale Chef Awards – Gastroranking.

Sul palcoscenico, insieme alla giovane Denisia e agli altri Best 100 Chefs Restaurants, veri protagonisti della serata e della manifestazione, sono saliti gli esponenti delle più importanti aziende del settore Food e Digitale d’Italia.

Quest’anno sono stati 1070 i ristoranti selezionati

Che hanno partecipato con l’obiettivo di ottenere il titolo di Chef Awards: di questi, solo 100 ricevono il prestigioso premio di riconoscimento.

“È stata una bellissima notizia – ha affermato a caldo la bravissima lady chef Denisia Congi -, che giunge dopo tante rinunce e dopo tanti sacrifici in cucina e negli ambiti in cui mi sono formata: sono queste le più grandi soddisfazioni per chi lavora con passione e ama ciò che fa. Momenti di vera gioia, per i quali impiego la maggior parte del mio tempo, della mia forza e della mia energia. Voglio che questo premio serva a dare maggiore impulso al valore del lavoro di tutta la categoria, sempre impegnata nella promozione enogastronomica locale e regionale e verso la forza impareggiabile di un territorio impregnato di storia e tradizioni, soprattutto nell’arte culinaria”.