Home / Calabria / Primo piano / La Carbonara perfetta secondo lo chef Monosilio, ‘Re della carbonara’

La Carbonara perfetta secondo lo chef Monosilio, ‘Re della carbonara’

Nonostante sia ormai passato il ‘Carbonara Day’, questo primo piatto rinomato e ‘imitato’ a livello mondiale risulta essere una tra le ricette più realizzate in Italia. Con pochi ingredienti, piccoli accorgimenti e in breve tempo, seguendo pochi e semplici passaggi potrete realizzare una carbonara perfetta da servire ai vostri ospiti.

La ricetta della Carbonara è stata ed è tuttora al centro di diatribe da Nord a Sud, e gli italiani soprattutto in questo periodo di quarantena forzata che li ha spinti a dedicarsi maggiormente alla realizzazione di piatti ‘Home Made’ si sono interrogati spesso su quali siano gli ingredienti per la Carbonara perfetta.

Non solo gli chef improvvisati, ma anche gli chef stellati tramite i vari social network hanno realizzato la loro ‘Carbonara perfetta’, e tra tutti non poteva mancare la ricetta di colui che è considerati ‘il re della carbonara’, Chef Luciano Monosilio.

“Una tecnica di esecuzione accurata, ma anche precisione ed organizzazione, appresi in anni di lavoro nell’alta ristorazione, e grande rispetto delle temperature e delle materie prime sono stati senz’altro fondamentali per essere riconosciuto come uno dei migliori esecutori della carbonara” ha spiegato Monosilio in un’intervista rilasciata per Agi.

Chef Monosilio, il re della carbonara, ha spiegato che vi sono alcune accortezze da eseguire per realizzare la carbonara perfetta tra cui un guanciale stagionato almeno tre mesi, uova possibilmente biologiche e pecorino romano e grana di qualità.

“Utilizzare sempre una padella antiaderente, meglio se di ferro – ha dichiarato lo chef stellato – e non aggiungere mai olio né altri grassi per la rosolatura del guanciale. Il consiglio più importante? Tenere sotto controllo la temperatura dell’uovo, che non dovrebbe superare mai i 65 gradi, e prestare attenzione che questo non coaguli, sviluppando la texture della classica frittata”.