Home / News / Italiani sempre più ‘mani in pasta’: aumenta prezzo di farina e uova

Italiani sempre più ‘mani in pasta’: aumenta prezzo di farina e uova

In questo periodo di quarantena forzata dovuta all’emergenza Coronavirus, gli italiani si sono dedicati maggiormente alla preparazione di pane e pasta, e in contemporanea il prezzo delle farine all’ingrosso ha registrato un aumento del 7%, come anche quello della semola, +2,4%.

I dati sono stati rilevati a marzo, confrontati con quelli rilevati nel mese di febbraio dalle Camere di Commercio, ed elaborati da Unioncamere e Borsa merci telematica.

L’incremento, è sicuramente conseguente all’aumento delle vendite nei supermercati e all’irrefrenabile voglia degli italiani di mettere ‘le mani in pasta’. Bmti, sottolinea inoltre l’aumento del prezzo delle uova (+4,2%)

Secondo quanto precisato da Bmti, “L’innalzamento della domanda di farine e sfarinati per uso domestico è stata tale da compensare la e riduzione delle vendite destinate al sistema della ristorazione e dell’ospitalità. I prezzi di marzo di questi prodotti sono i più elevati anche rispetto allo scorso anno, con +5,8% per la farina e +17,8% per la semola.