Home / Notizie / Primo piano / Il carciofo, amico del fegato e alleato delle diete detox

Il carciofo, amico del fegato e alleato delle diete detox

È arrivata la primavera e con la bella stagione anche l’orto si arricchisce di ortaggi ricchi di doti benefiche. Di seguito conosceremo nel dettaglio il carciofo, principe di numerose ricette primaverili e largamente usato in cucina sin dall’antichità per le sue doti benefiche.

Molto versatile in cucina, in Italia viene coltivato principalmente in Toscana, Liguria, Lazio e Puglia, e può raggiungere anche un metro di altezza.
Pianta di origine mediterranea, il carciofo è caratterizzato da un fusto robusto e ramificato, mentre la parte edibile corrisponde alle infiorescenze. Ne esistono numerose varietà, fino a 90 circa in tutto il mondo, distinguibili per forma o colore.

Il carciofo è ricco di potassio, fosforo, magnesio, ferro, sodio e calcio e vitamine del gruppo B, C, E, K e J; inoltre è ricco di numerosi antiossidanti.
Il carciofo è molto indicato per chi segue un regime dietetico, in quanto il suo apporto calorico è molto basso: circa 40 Kcal per 100 g.

Il carciofo è un ottimo alleato del fegato ed aiuta a mantenerlo ‘pulito’ grazie alla presenza di cinarina, sostanza che fa sì che questa verdura sostenga la funzionalità epatica. Il carciofo inoltre sostiene il fegato nella sua funzione di detossificazione dell’organismo e, in particolare, è un prezioso alleato in caso di avvelenamento chimico.
Il carciofo ha un importante valore depurativo, diuretico e detossinante: sempre grazie alla cinarina e all’elevato contenuto di acqua, stimola la diuresi, e ha un ottimo potere digestivo e disintossicante, motivo per cui viene spesso inserito nelle diete dimagranti o diete detox invernali.