Home / Calabria / Primo piano / Greco invita i ristoratori calabresi a valorizzare l’olio extravergine d’oliva calabrese
Olio d'oliva Calabrese Dop
Olio d'oliva Calabrese Dop

Greco invita i ristoratori calabresi a valorizzare l’olio extravergine d’oliva calabrese

L’olio d’oliva calabrese, come noto, è un olio pregiato e rinomato a livello nazionale per le sue innumerevoli proprietà benefiche e caratteristiche organolettiche, e a porre l’accento su questo prodotto e sul suo utilizzo è proprio Tommaso Greco, area marketing e relazioni esterne de iGreco, che invita residenti ed ospiti a pretendere che nella ristorazione e nei luoghi di accoglienza e di intrattenimento, dalle trattorie ai pub, dai bar ai lidi sulle spiagge, a tavola venga privilegiato e proposto l’extravergine calabrese.

“È così lungo ed importante l’elenco delle proprietà e delle caratteristiche organolettiche e nutritive benefiche per la salute dell’olio d’oliva, sia come condimento base della dieta mediterranea sia da bere direttamente con un cucchiaio – sottolinea Tommaso Greco – che in una terra di ulivi millenari come la Calabria, ai vertici europei della produzione olivicola, bisognerebbe accogliere l’ospite a tavola sempre e comunque con uno dei tanti extravergini di qualità dei nostri territori. Come elisir di lunga vita e quindi come icona autentica di una regione Covid-free per rilanciare, soprattutto in questa fase, l’appeal turistico-esperienziale della nostra terra”.

“Ricco di sostanze come antiossidanti, polifenoli e acidi grassi monoinsaturi, perfetto per insaporire carne ed insalate, l’extravergine –prosegue Greco– diventa un condimento speciale col pesce azzurro, anch’esso da esigere e preferire nei menù di una ristorazione turistica regionale troppo spesso invece incline a spacciare perfino il salmone come prodotto fresco dei nostri mari, abbinato (e non è un caso!) ad oli di incerta provenienza e di dubbia qualità”.

“Dobbiamo pretendere che nei lidi, nei bar e nelle trattorie della nostra terra si spieghi a tutti che chi beve olio d’oliva fa un gran bene a sé stesso perché introduce all’interno del suo organismo sostanze preziose– conclude Greco – basti solo ripetere che bere un cucchiaio di olio d’oliva al mattino a stomaco vuoto è la mossa migliore che si possa fare per la propria salute, perché fa bene alla digestione, al cuore, al fegato e alle ossa. Ecco, sono queste le cose dobbiamo saper spiegare, raccontare e di cui far innamorare i visitatori dei nostri territori nella consapevolezza che non c’è storytelling più efficace e forte da un punto di vista turistico e 365 giorni l’anno della narrazione dei benefici e della qualità millenaria di quello che resta il più importante, distintivo e competitivo prodotto della Calabria”.