Home / articolo spalla laterale in evidenza / Le Ricette dei lettori / Frittata di Pasqua: la ricetta cosentina e i consigli di StrillEat

Frittata di Pasqua: la ricetta cosentina e i consigli di StrillEat

La Pasqua è ormai alle porte e nonostante le restrizioni e la pandemia da Covid gli italiani non rinunceranno né al pranzo di Pasqua né alle bontà tipiche regionali che vengono realizzate solitamente per il pranzo di Pasqua e Pasquetta.

Oggi vi sveleremo una ricetta antichissima originaria di Cosenza e immancabile sia durante il pranzo di Pasqua che durante il Pic nic di Pasquetta: la frittata di Pasqua, un piatto semplice da realizzare e spesso servito sia come antipasto a fianco di un ricco tagliere di salumi e formaggi che come secondo piatto a fianco delle classiche costolette d’agnello alla cosentina.

Scopriamo come realizzare la frittata di Pasqua

Frittata di Pasqua cosentina: ingredienti e procedimento

250 g di farina 00

150 ml di acqua

6 g di sale

2 cucchiai di olio di oliva

5 g di lievito di birra fresco

2 uova

2 cucchiai di pecorino grattugiato

50 g di caciocavallo o provola silana

50 g di pecorino fresco

50 g di salsiccia stagionata piccante

50 g di soppressata

pepe nero

Procedimento

All’interno di una ciotola versate la farina, l’olio, il lievito sbriciolato e l’acqua a filo.

Incominciate ad impastare energicamente sino ad ottenere un panetto omogeneo e liscio che si stacca dalla ciotola.

Aggiungete il sale e impastate nuovamente.

Spostate l’impasto sulla spianatoia, lavoratelo leggermente con le mani e formate un panetto, poi riponetelo in una ciotola, coprite con pellicola fate lievitare in un luogo caldo e asciutto fino al raddoppio.

Una volta raddoppiato l’impasto aggiungete le uova sbattute, i salumi ed i formaggi tagliati a cubetti ed una macinata di pepe nero, amalgamate e versate in una teglia unta

Riponete ancora in un luogo caldo e lasciate lievitare per altri 30-40 minuti.

Cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 30 minuti, fino a doratura.

Frittata di Pasqua: i consigli di StrillEat

La frittata di Pasqua è ottima da gustare sia calda che fredda.

Se volete servirla come antipasto, tagliatela a cubetti di medie dimensioni e inseritela all’interno di un ricco tagliere di salumi e formaggi, mentre se volete servirla come secondo piatto basterà tagliarla a spicchi e riscaldarla qualche minuto in forno statico.

La frittata di Pasqua, se foderata con pellicola, può essere consumata anche il giorno dopo sia calda che fredda.

Fonte Immagine:https://www.cosenzaduepuntozero.it/