Home / articolo spalla laterale in evidenza / Le Ricette dei lettori / Dall’oro rosso di Calabria all’Olio Santo

Dall’oro rosso di Calabria all’Olio Santo

Il peperoncino è da sempre considerato l’oro rosso di Calabria, vantato non solo dai calabresi ma anche da Tommaso Campanella che nella sua opera cita il peperoncino “piper rubrum indicum” e spiega di quanto sia salutare per la cura del corpo.

Quando non si trova il peperoncino fresco, e si vuol dare un tocco di ardente passione mediterranea ai nostri piatti, possiamo ricorrere all’Olio santo, una specialità Made in Calabria che vi permetterà di gustare la piccantezza del peperoncino 365 giorni l’anno.

Olio santo: la ricetta dell’olio piccante

Ingredienti

Peperoncini freschi

Olio extra vergine di oliva

Sale grosso

Procedimento

Per fare l’olio santo con i peperoncini freschi, ponete nel barattolo sterilizzato qualche chicco di sale grosso.

Tagliate grossolanamente i peperoncini freschi e metteteli nel barattolo.

Ricopriteli di olio, poi pressate con un cucchiaino e successivamente, dopo aver fatto uscire l’aria, aggiungete un’altra quantità di olio d’oliva fino a copertura.

Chiudete il barattolo ermeticamente con un coperchio precedentemente sterilizzato.

L’olio sarà pronto entro un mese.

Una volta pronto, potete filtrare l’olio e porlo in bottigliette, oppure usarlo così com’è per insaporire qualsiasi piatto.