Home / Prodotti tipici / Crocette di fichi calabresi: antichissima tradizione calabrese

Crocette di fichi calabresi: antichissima tradizione calabrese

Tra le più antiche prelibatezze rigorosamente Made in Calabria meritano la nostra attenzione le rinomante Crocette di Fichi.

Le Crocette di fichi narrano, morso dopo morso, quella che è l’antica tradizione calabrese. Denominate crocette calabresi o crocette di fichi, queste ‘crocette’ vengono realizzate ancora oggi con i fichi appassiti al sole. I Fichi, vengono riempiti rigorosamente a mano con noci o altra frutta secca.

Crocette di fichi: cenni storici

Secondo alcune fonti toriche, quest’antichissima ricetta si tramanda da generazione in generazione ed è una delle espressioni più tipiche della produzione calabrese. Le crocette di fichi sono immancabili sulle tavole dei calabresi soprattutto nel periodo natalizio.

Il nome “crocette” deriva dal modo in cui vengono lavorati i fichi: questi, vengono intrecciati a mano e poi sistemati a forma di croce.

Sin dai tempi più antichi, la qualità maggiormente usata per produrre le crocette di fichi era il fico Dottato. Questa tipologia di fico si adattava meglio alla preparazione in quanto al suo interno i semi erano abbastanza piccoli, a differenza di altre tipologie di fiche che possiedono dei semi leggermente più grossi.

I fichi venivano raccolti dagli alberi quando incominciavano ad appassire e messi ad asciugare, al sole su graticci di canne chiamate ‘spasulate’. A essiccatura completata si procedeva con la realizzazione delle crocette di fichi. La realizzazione delle crocette id fichi i Calabria rappresentava un vero e proprio ‘momento di festa’: diversi nuclei familiari si riunivano tutti insieme per realizzare rigorosamente a mano le crocette di fichi da conservare e successivamente servire durante le occasioni.