Home / News / Consumo frutta e verdura: in Italia è allarme rosso

Consumo frutta e verdura: in Italia è allarme rosso

In Italia è allarma rosso sul consumo di frutta e verdura giornaliero, tra i giovani e meno giovani.

Da una ricerca condotta dall’Osservatorio Grana Padano, che ha valutato attentamente le abitudini alimentari di 5.500 italian, è emerso che i giovani mangiano circa il 60% della razione quotidiana consigliata di verdura, e gli adulti, l’80%. I dati emersi evidenziano come in entrambi i casi  si consumi una quantità minore di verdura rispetto alla percentuale che servirebbe per un’equilibrata alimentazione protettiva.

Dai risultati dell’indagine condotta qualche mese fa, è emerso che lo stile alimentare adottato dagli italiani non è in alcun modo idoneo a bloccare i virus influenzali e a migliorare i sintomi dell’influenza.  I giovani (fascia d’età compresa tra i 14-18 anni) mangiano meno verdura rispetto agli adulti e consumano, tra verdura cotta e cruda, circa 217 grammi al giorno; gli adulti invece ne assumono 328 grammi.

Entrambe le quantità – si legge in una nota- non sono sufficienti, secondo quanto raccomandano le linee guida della Sinu (Società Italiana di Nutrizione Umana) che consiglia 400 grammi di verdura al giorno. Dai dati rilevati è emerso inoltre di come sia poco esaustivo il consumo di frutta soprattutto tra i giovani, che si limitano a consumarne non più di 70 g, cioè meno di un’arancia al giorno.