Home / Calabria / Primo piano / Comfort food: durante il lockdown scelto dal 55% degli italiani

Comfort food: durante il lockdown scelto dal 55% degli italiani

Stati depressivi, insonnia, ipocondria e ansia fanno parte degli ‘stati d’animo’ vissuti dagli italiani durante il precedente lockdown e ‘combattuti’, dal 55% degli italiani, con il confort food.

Confort food e lockdown, il binomio sembra quasi essere diventato uno stile di vita per gli italiani e ad affermarlo è Assolatte, sulla base dei risultati di un’indagine condotta dalla Sinu (Società italiana di nutrizione umana). In particolare, il 48% degli intervistati si è buttato sul comfort food che dà un’immediata gratificazione ma rischia di avere un ‘effetto boomerang’, perché impatta su salute e peso.

Secondo Assolatte, si può comunque approfittare del ruolo consolatorio del cibo, ma bisognerebbe scegliere gli alimenti che danno piacere e aiutano anche a controllare il peso come ad esempio i prodotti lattiero-caseari che contengono sostanze ‘alleate’ della linea e che hanno effetti positivi sul metabolismo dei grassi e sul microbiota.

Molte ricerche hanno evidenziato che le persone che consumano in abbondanza latte, yogurt e formaggi ingrassano di meno e mostrano un indice di massa corporea più basso, oltretutto hanno anche minor probabilità di obesità e di accumulo di grasso addominale.

Assolatte, consiglia di abbandonare cibi grassi e supercalorici e di consolarsi
con 3 porzioni quotidiane di latte e yogurt e 3 porzioni settimanali di formaggi suggerite dalla Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana, senza dimenticare il fondamentale riposo notturno.