Home / eventi / Cinquefrondi: ritorna il laboratorio sul pane arabo

Cinquefrondi: ritorna il laboratorio sul pane arabo

Si è alzato il sipario, durante il periodo invernale, sulla 1^ Edizione del Laboratorio teorico pratico sulla preparazione del pane arabo “In cucina con Buhar”. L’iniziativa, ideata per proseguire l’avviato percorso di accoglienza tra cittadini e beneficiari migranti, vuole essere un nuovo modo di fare integrazione e scambio culturale e sin dal suo esordio, lo scorso inverno, nove ragazze e un ragazzo avevano partecipato con molto entusiasmo al corso di panificazione araba svoltosi presso la Mediateca Comunale,

A febbraio In cucina con Buhar si era rivelato un successo, sin dalle prime battute, anche per la semplicità e la gentilezza della docente d’eccezione Buhar Alì Mohammed, donna del Kurdistan iracheno ospitata presso il Siproimi “Mario Congiusta” di Cinquefrondi. Un vero evento, anche per il modo originale e saporito di raccontare le dinamiche dell’asilo e dalla protezione internazionale, incuriosendo i partecipanti sulla questione curda, attraverso un laboratorio di panificazione breve ma rigoroso, alla fine del quale ogni corsista era stato messo in condizione di creare autentico pane arabo. Un fatto addirittura storico, se rapportato alla realtà di una cittadina di poco più di seimila abitanti. Neppure il tempo di gioire delle tante richieste per un secondo corso, che la tragedia della pandemia spegneva tutto”.

 “In cucina con Buhar” ripartirà proprio tra qualche giorno e precisamente il 27 luglio con un numero inferiore di corsisti, nel rispetto di ogni normativa sanitaria e di sicurezza; non mancheranno divertimento e occasioni di riflessione.  La coordinatrice del secondo corso, ideatrice e assistente sociale Fiorenza Lattari, ha ideato questa iniziativa con l’obiettivo di unire alla conoscenza pratica degli impasti, lo studio delle origini e culture alla base dei vari formati di pane del Medio Oriente.