Home / Calabria / Primo piano / Capodanno: crollano le vendite di zamponi e cotechini

Capodanno: crollano le vendite di zamponi e cotechini

A pochi giorni dal cenone di Capodanno sono diminuiti gli acquisti dei tradizionali zamponi e cotechini, nonostante i prezzi abbiano subito un calo 20% negli ultimi due mesi. A renderlo noto è Cia-Agricoltori Italiani, che stima 2 milioni di chili di prodotto in meno sulle tavole rispetto ai 6 milioni consumati lo scorso anno.

Sembra proprio che siano diminuiti i ritiri di carne suina negli allevamenti da parte dell’industria, un ennesimo colpo che conferma la grave crisi della filiera. Il calo de consumi degli insaccati precotti, secondo Cia, è dovuto anche e non solo alle misure imposte dal governo per contrastare la pandemia.

“La forte contrazione dei prezzi – si legge in una nota diramata da Cia – è causata in parte alla saturazione del mercato europeo, con il mancato export in Cina delle carni tedesche dopo i casi di peste suina nei cinghiali in Sassonia. Nonostante la diffusa credenza, non si tratta di prodotti particolarmente grassi, anche perché la cottura di zamponi e cotechini favorisce il calo della parte lipidica”.

Tra le cause del calo di vendita di cotechini e zamponi vi è anche la chiusura dei ristoranti e ovviamente il limite della presenza di amici e parenti a tavola.

Fonte Immagine: https://www.misya.info/ricetta/lenticchie-e-cotechino.htm