Home / Calabria / Primo piano / Associazione città della patata: presente Spezzano della Sila

Associazione città della patata: presente Spezzano della Sila

In Italia, secondo quanto rilevato, si producono 17 milioni di quintali di patate, e proprio questi dati hanno dato lo sprint giusto che ha portato alla fondazione dell’Associazione Nazionale Città della Patata all’interno della quale non poteva mancare Spezzano della Sila e la Patata della Sila IGP.

I Sindaci dei 19 Comuni Fondatori, hanno deciso di mettersi in rete e di lavorare insieme per valorizzare la pataticoltura di qualità, il paesaggio, i prodotti tipici, le tradizioni autoctone, la cultura e l’imprenditoria locale.

“Nel pieno dell’emergenza sanitaria lavorare per i nostri territori significa anche guardare al futuro e farci trovare pronti quando sarà finita. È tempo di progettare, insieme”. Così ha aperto l’assemblea Palmerino Fagnilli, Sindaco di Pizzoferrato, uno dei comuni simbolo della patata di montagna che ha fortemente promosso l’iniziativa.

Le patate più rinomate nel mercato nazionale si producono da nord a sud, dalla Sila, risalendo per le montagne abruzzesi, lucane, piemontesi e sarde.

Il neo-consiglio direttivo dell’Associazione Nazionale Città della Patata ha affidato la presidenza al Sindaco di Pizzoferrato Palmerino Fagnilli, la Vicepresidenza ai Sindaci del comune meno popoloso, Ingria, con soli 44 abitanti (Igor De Santis), e a quello più popoloso, Avezzano con oltre 40.000 abitanti (Giovanni Di Pangrazio).

I comuni fondatori dell’Associazione arrivano da 10 regioni: per quanto riguarda il sud Italia, la Basilicata è rappresenta da Muro Lucano (PZ), la Calabria da Parenti (CS) e Spezzano della Sila (CS); la Campania da San Michele di Serino (AV),