Home / News / A cosa non rinuncerebbero gli italiani a tavola? I dati di Unisalute

A cosa non rinuncerebbero gli italiani a tavola? I dati di Unisalute

Il 64% degli italiani, come emerso al termine di una ricerca approfondita, non rinuncerebbe mai all’olio extra vergine di oliva, ingrediente principe dell’alimentazione quotidiana.
Secondo i dati emersi al termine di un approfondito lavoro di ricerca curato da Nomisma per Unisalute, Il tipo di cucina alla quale gli italiani golosi e buongustai non riuscirebbero a rinunciare è la cucina regionale italiana, mentre il piatto più amato da grandi e piccini è sua maestà la pizza immancabile per il 65% dei connazionali.

L’abitudine di consumo e le preferenze culinarie sono il risultato della ricerca “Prevenzione e Stili di vita”, curata da Nomisma per UniSalute e articolata in abitudini alimentari, attività fisica e prevenzione.

I risultati della brillante ricerca condotta, sono stati presentati durante l’evento #VivereInSalute. Dallo studio effettuato da esperti del settore, l’olio, il principe della dieta mediterranea, è seguito dalle verdure di stagione. Seguono la classifica Il sale, caffè e spezie (5%).

Dall’analisi è risultato il 32% degli italiani adotta stili di vita corretti e l’89% del campione preso in esame fa una colazione adeguata con latte, tè o caffè a del cibo.

In sintesi, i risultati di Nomisma premiano la dieta mediterranea: tra gli alimenti più presenti sulle tavole degli italiani non mancano la frutta e la verdura. Seguono pane, pasta, riso e patate.