Home / Notizie / Primo piano / Distretti del Cibo: avviati i finanziamenti. La Regione Calabria attesa per avviare il percorso

Distretti del Cibo: avviati i finanziamenti. La Regione Calabria attesa per avviare il percorso

Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche Agricole Alimentari,
Forestali e del Turismo, ha confermato il raggiungimento dell’intesa
in Conferenza Stato-Regioni sul
decreto, proposto in concerto con il MISE,
con il quale si potranno finanziare le attività e gli investimenti proposti dai
Distretti del Cibo già attivati e
riconosciuti dalle Regioni.

La Regione Calabria è attesa per l’assenza
di uno strumento che avvii il percorso di istituzione e riconoscimento, nonostante
Mauro D’Acrì, Consigliere regionale con delega all’agricoltura, ha già espresso
la volontà di far deliberare, prima della chiusura delle attività
politico-amministrative previste per la pausa estiva, l’atto necessario all’istituzione
di un’apposita Legge Regionale di recepimento della nuova Legge Nazionale 205/17 con cui si sono istituiti i Distretti.

Acli Terra Calabria‘ e alcuni esperti di programmazione e marketing territoriale, si stanno adoperando per sensibilizzare gli Enti e gli operatori di settore con azioni di comunicazione e promozione.

I Distretti del Cibo sono strumenti
fondamentali di progettazione territoriale, che puntano a dare sostegno a chi
aggrega e costruisce progetti di investimento per il rilancio delle aree agricole del Paese, attuati
insieme alle Istituzioni locali e ai soggetti privati direttamente interessati.

“Lo
strumento di programmazione e progettazione territoriale dei Distretti del Cibo
– dichiara l’esperto Valerio Caparelli
– consentiranno alla Calabria di fare un salto di qualità nella gestione delle
politiche locali che mettono il cibo al centro delle proprie azioni di
sviluppo. Dobbiamo guardare con interesse all’esperienza già avviata con netto
anticipo da altri Distretti costituiti in alcune regioni d’Italia, per poter
meglio tutelare e valorizzare gli interessi produttivi e commerciali delle
nostre imprese agricole e, attraverso una buona politica di programmazione e
promozione territoriale, rilanciare il turismo enogastronomico”.

Per
realizzare obiettivi comuni, oltre
all’iniziativa politica necessaria, che tocca inizialmente alla Regione Calabria, bisogna che si
mettano insieme imprese, cittadini, associazioni e Istituzioni locali.

“I Distretti del Cibo – conclude Valerio Caparelli – non rappresentano solo un valido strumento di governance dei sistemi rurali, essendo questo modello basato su un partenariato pubblico-privato locale e su una governance multilivello, sono soprattutto una scelta innovativa. Avviare anche in Calabria il percorso di istituzione e amministrazione dei Distretti del Cibo, messi a disposizione dal legislatore nazionale, consentirà di avviare quel principio di sussidiarietà sociale ed economica che porterà presto con sé buoni effetti di riequilibrio territoriale, come ad esempio il contrasto allo spopolamento delle aree interne”.