Home / Calabria / Clementine di Calabria, la campagna parte con il piede sbagliato

Clementine di Calabria, la campagna parte con il piede sbagliato

La campagna delle Clementine di Calabria – rileva Coldiretti – sembra già essere partita per quest’anno, nonostante a causa delle condizioni climatiche sia stata rilevata un’elevata diminuzione della produzione con una media dalle prime stime che si aggira intorno al 30%.

“Da un primo monitoraggio che abbiamo svolto – spiega Francesco Cosentini direttore di Coldiretti Calabria – i prezzi alla vendita sono bassi e arrivano anche a 0,79 centesimi al Kg sui banchi della GdO e questo accade in tutta Italia con campagne sottocosto e altisonanti: una vera e propria speculazione sul cibo. A determinare ciò c’è anche l’assurdo fenomeno di quella che viene chiamata asta e che in realtà è l’esatto opposto. Quando la trattativa – prosegue Cosentini – riguarda il cibo, il prezzo non sale mai, invece come sta accadendo si abbassa vertiginosamente e più va giù più guadagnano quelli che battono l’asta e non il produttore. Ad avere il margine di guadagno – spiega – è sempre la grande rete di supermercati e discount che mette negli scaffali prodotti alimentari a prezzi super scontati, mentre a rimetterci sono sempre i produttori, costretti a subire contratti a cifre ridottissime che non coprono nemmeno i costi di produzione”.