Home / Il buon bere / Accademia Italiana della Cucina di Cosenza e Ais per una full immersion di valorizzazione dei vini calabresi
l43-vino-bicchiere-bottiglia-130313114635_big

Accademia Italiana della Cucina di Cosenza e Ais per una full immersion di valorizzazione dei vini calabresi

Riconosce e attribuire il giusto valore al vino e conoscere e fornire le indicazioni utili per favorire il più adatto abbinamento con le diverse pietanze, questi sono gli obiettivi fondamentali del percorso di approfondimento che la Delegazione di Cosenza dell’Accademia Italiana della Cucina, istituzione nata nel 1953, ha avviato nelle scorse settimane.

La full immersion fatta di approfondimenti teorici e visite in cantina, è stata fortemente voluta ed organizzata dal Delegato dell’Accademia Rosario Branda, che con la Consulta della delegazione cosentina ha coinvolto l’Associazione Italiana Sommelier della Calabria con la sua presidente Maria Rosaria Romano che ha ospitato i partecipanti nella propria sede per le lezioni inerenti al corretto approccio al mondo della viticultura. Gli accademici sono stati inoltre accompagnati nella visita guidata dove hanno potuto recepire le regole riguardanti l’abbinamento vino- pietanze, fondamentale per esaltare le caratteristiche di entrambi gli elementi.

«Con gli anni il vino da alimento è diventato un piacere – racconta il Delegato Rosario Branda, che è anche direttore di Confindustria in Calabria, sommelier ed autore del volume “Vini di Calabria. Storie (minime) di uomini, donne, luoghi e uve” – ed il suo apprezzamento tende a crescere per la capacità intrinseca di riuscire a trasmettere suggestioni, regalare emozioni, suggerire racconti. Grazie ad un nuovo approccio più rispettoso della cultura e delle tradizioni, in Calabria si sta puntando sulla valorizzazione dei vitigni autoctoni. I palati degli estimatori tendono a privilegiare vini non omologati nelle percezioni gusto olfattive, con caratteristiche varietali in grado di richiamare i territori di origine. Questa nuova tendenza di mercato che reca in sé un non banale salto culturale, ha aperto uno spazio significativo ai nostri vitigni autoctoni che, vinificati e presentati con cura, stanno riscuotendo grande successo nei mercati».